Continuamo così e arriveremo presto ad una catastrofe” dice il segretario UNFCCC

Aprile 29, 2019

Patricia Espinosa, segretario esecutivo del UNFCCC (Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici) afferma che i leader mondiali devono riconoscere che non vi è altra alternativa se non quella di accelerare e potenziare l’azione per affrontare il riscaldamento globale, avvertendo che continuare sulla via attuale porterà a “una catastrofe”.

Ha sottolineato in due recenti interviste all’Associated Press che gli scienziati del clima dicono che c’è ancora la possibilità di fare le cose per bene “ma la finestra dell’opportunità si chiuderà molto presto” e il mondo ha 12 anni prima che le emissioni di carbonio raggiungano “un punto di non ritorno.”

Ciò significa che il mondo deve accelerare tutti gli sforzi per evitare di raggiungere quel livello, “e quindi tutti gli sforzi sono assolutamente indispensabili” per ridurre le emissioni di carbonio e impedire che le temperature aumentino, ha detto.

Anche se, c’è da dire che alcuni scienziati dicono che raggiungere il “punto di svolta” in 12 anni è una semplificazione eccessiva di un rapporto dell’ONU dello scorso anno.

Espinosa ha affermato che le emissioni di carbonio sarebbero dovute aumentare nell’immediato futuro dopo che nel 2015 è stato adottato l’importante accordo di Parigi per affrontare i cambiamenti climatici, perché le trasformazioni necessarie per seguire una traiettoria discendente “non possono essere fatte da un giorno all’altro”. Inoltre, la popolazione globale sta crescendo e sempre più persone richiedono più energia e risorse.

Ciò che è ormai chiaro, tuttavia, è che se continuiamo a crescere o a comportarci in modo tale da mantenere questo tipo di traiettoria, non saremo in grado di raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi”, ha affermato Espinosa.

L’accordo di Parigi prevedeva che le temperature globali aumentassero un massimo di 2 gradi Celsius entro la fine del secolo rispetto ai tempi preindustriali e il più vicino possibile a 1,5 gradi Celsius. Il mondo si è già riscaldato di 1 grado Celsius, quindi l’obiettivo è davvero di evitare un altro aumento di 1 o 0,5 gradi Celsius da ora.

Un rapporto dello scorso anno dell’Intergovernmental Panel on Climate Change, o IPCC, ha concluso che è siì, tecnicamente possibile limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius entro la fine del secolo, ma è anche altamente improbabile perché ciò richiederebbe una drammatica revisione dell’economia globale, incluso un allontanamento dai combustibili fossili. Nel rapporto, gli scienziati affermano che meno del 2% dei 529 dei possibili scenari futuri calcolati ha mantenuto il riscaldamento al di sotto dell’obiettivo di 1,5 gradi C.

Ciò che la scienza vuole mostrare è che 1.5 gradi C è davvero necessario perché le conseguenze del raggiungimento dei 2 gradi C sono piuttosto preoccupanti”, ha detto Espinosa. “In secondo luogo, mostra anche che limitare il riscaldamento a 1,5 gradi C è possibile, ma richiede uno sforzo maggiore e richiede molta più volontà politica”.

Ha sottolineato ancora una volta che gli scienziati dell’IPCC hanno dato al mondo 12 anni “per accelerare e ridimensionare le azioni” per ridurre le emissioni prima che inizino a crescere senza controllo.

Ciò non significa che dobbiamo aspettare 12 anni e poi considerarlo come il momento per farlo”, ha detto Espinosa. “Significa che dobbiamo accelerare il punto di svolta, e che quindi tutti gli sforzi di adesso sono assolutamente indispensabili.”

Il rapporto ONU non dice che il 2030 sia un’ultima possibilità, una rigida scadenza per l’azione, come è stata interpretata in alcuni ambienti. Il panel “non ha detto che ci sono rimasti 12 anni per salvare il mondo”, ha detto alla Associated Press James Skea, co-presidente del rapporto e professore di energia sostenibile presso l’Imperial College di Londra. “Più fa caldo, più la situazione peggiora, ma è un ultimatum”.

Questa è stata una fonte persistente di confusione”, ha concordato Kristie L. Ebi, direttore del Center for Health and the Global Environment presso l’Università di Washington a Seattle. “Il rapporto non ha mai detto che restano solo 12 anni”.

Patricia Espinosa solo il mese scorso ha affermato che i leader mondiali devono riconoscere che non vi è altra opzione se non quella di accelerare e potenziare l’azione per affrontare il riscaldamento globale, avvertendo che continuare sulla via attuale porterà a “una catastrofe”. Ha anche detto in un’intervista martedì che l’attenzione che il problema sta avendo “sta chiaramente crescendo” ma non “alla velocità e all’ampiezza che dovrebbe”.

I governi sono intrappolati nell’affrontare i bisogni immediati “e non siamo ancora in una situazione in cui possiamo affermare di aver percepito la minaccia dei cambiamenti climatici come parte di quelle esigenze immediate”, ha detto Espinosa.

Ha detto che le comunità che subiscono la distruzione dagli effetti dei cambiamenti climatici si sono svegliate, il movimento da parte dei bambini e ragazzi delle scuole di tutto il mondo guidato da Greta Thunberg è “un campanello d’allarme” e si spera che le proteste di massa per combattere i cambiamenti climatici spingeranno i responsabili delle decisioni.

Ma Espinosa ha continuato ricordandoci che alcuni dicono che il cambiamento climatico non sta accadendo, “che non è creato dall’uomo” e “altri sono semplicemente molto, molto indifferenti al problema”. “Quindi abbiamo molto lavoro da fare per riuscire a coinvolgere tutti”, ha detto. “Abbiamo una strada molto, molto lunga davanti.”

L’obiettivo è quello di arrivare ad un momento in cui i leader riconoscono che non ci sono alternative. La verità è che se continuiamo a produrre, consumare, a funzionare come stiamo facendo ora, sappiamo che stiamo andando verso una catastrofe, e ciò significherà perdita di vite, gravi conseguenze su diversi settori della economia, migrazioni di massa e instabilità. I leader devono capire “che il solito scenario aziendale non è più un’opzione”, ha affermato.

A coloro che mettono in dubbio il raggiungimento dell’obiettivo di 1,5 gradi C, Espinosa ha chiesto: “Come possiamo ignorare un obiettivo assolutamente necessario per evitare conseguenze davvero catastrofiche?”

C’è quindi bisogno di una forte e immediata azione politica, da parte di tutti i governi, specificamente indirizzata a nuove iniziative di sostenibilità, con piani chiari e concreti. Non esattamente come il DEF 2019 del governo italiano…  

Verso una fiscalità ecologica

Verso una fiscalità ecologica

banner-brainstorm

Inizia la campagna di Brainstorm. Così sulla stampa locale

XJZW6253

Ecco perché non rivogliamo il benessere di prima

IMG-20190705-WA0018__01

Figli Costituenti” sulla stampa veneta

logo-linkiesta-1

Linkiesta ospiterà un articolo ogni sabato su di noi

Father and daughter against sky

Nel nome dei figli, una riforma costituzionale per non rubare loro il futuro

Yezers-FC

Yezers a fianco di Figli Costituenti

Costanza

Che cosa hanno in comune bilancio e ambiente? Devono essere sostenibili, per i nostri figli

Rettore-Ca-Foscari

Arriva a sostenerci il Rettore dell’Università Ca’ Foscari

valigia

Quota 100: una bolla di consenso sulle spalle dei giovani