Il Parlamento del Regno Unito dichiara emergenza climatica

Maggio 2, 2019

Finalmente una risposta da parte di alcuni leader mondiali. La Camera dei Comuni britannica ha ufficialmente accolto la mozione presentata da Jeremy Corbyn, leader del partito laburista per dichiarare nel Paese lo stato di emergenza climatica: è il primo governo al mondo. Tutto in seguito alla settimana di proteste del nuovo movimento ambientalista Extinction Rebellion, che ha provocato disagi in tutta Londra.

Il 27 aprile, Jeremy Corbyn ha sottoposto a tutti i membri della Camera dei Comuni britannica una mozione per ammettere l’esistenza di una crisi climatica in corso e per mettere in pratica azioni tempestive. Il leader del partito laburista ha infatti sempre sostenuto le intenzioni e le azioni del gruppo ambientalista Extinction Rebellion, che per una settimana ha creato diversi disagi nel centro di Londra attraverso proteste pacifiche, manifestazioni e flash mob.

Nel giro di appena quattro giorni, l’isola ha dichiarato lo stato di emergenza climatica, annunciando l’intenzione di agire in fretta per azzerare le emissioni nette di gas serra.

Così, domenica 28 aprile 2019 la prima ministra scozzese Nicola Sturgeon ha dichiarato pubblicamente, di fronte al partito di cui è leader, lo Scottish National Party, la presenza di un’emergenza climatica nella sua regione, aggiungendo l’intenzione del Governo di anticipare il termine per la riduzione delle emissioni di CO2 al 2045.

Il giorno dopo è stata la volta del Galles, la cui ministra dell’Ambiente Lesley Griffiths ha dichiarato lo stato di emergenza ambientale nel Paese.

Infine, mercoledì 1° maggio la Camera dei Comuni britannica ha ufficialmente accolto la mozione del Partito laburista, il cui è obiettivo è quello di mettere in pratica azioni più tempestive e radicali nella lotta contro il cambiamento climatico, diminuendo le emissioni ancora prima del 2050 e spingendo di più l’utilizzo delle rinnovabili.

Abbiamo assistito a qualcosa di incredibile” ha detto alla fine Corbyn a una folla di ambientalisti. “Il Parlamento britannico ha approvato la mozione del partito laburista e diventa il primo al mondo a dichiarare l’emergenza ambientale e climatica. Questo può scatenare un’ondata di azione da parte dei Parlamenti e dei governi di tutto il mondo. Ci impegniamo a lavorare più strettamente possibile con i Paesi che intendono seriamente porre fine alla catastrofe climatica e chiarire al presidente degli Stati Unite Donald Trump che non può ignorare gli accordi internazionali sulla crisi climatica. I manifestanti e gli scioperanti ci hanno detto di agire. I governi non agiscono mai senza pressione e dobbiamo mantenere alta la pressione. Sono orgoglioso che il Partito laburista abbia portato questa mozione all’Assemblea, e ora proseguiremo questo lavoro sviluppando i nostri piani per realizzare una rivoluzione industriale verde”.

Insomma, pare che le attività del Fridays for Future e degli altri movimenti ambientalisti stiano dando i loro frutti. Quello del governo inglese sarà solo il primo passo al quale seguiranno tanti altri governi? Noi lo speriamo davvero.

Verso una fiscalità ecologica

Verso una fiscalità ecologica

banner-brainstorm

Inizia la campagna di Brainstorm. Così sulla stampa locale

XJZW6253

Ecco perché non rivogliamo il benessere di prima

IMG-20190705-WA0018__01

Figli Costituenti” sulla stampa veneta

logo-linkiesta-1

Linkiesta ospiterà un articolo ogni sabato su di noi

Father and daughter against sky

Nel nome dei figli, una riforma costituzionale per non rubare loro il futuro

Yezers-FC

Yezers a fianco di Figli Costituenti

Costanza

Che cosa hanno in comune bilancio e ambiente? Devono essere sostenibili, per i nostri figli

Rettore-Ca-Foscari

Arriva a sostenerci il Rettore dell’Università Ca’ Foscari

valigia

Quota 100: una bolla di consenso sulle spalle dei giovani